COMUNICATO STAMPA DEL 16 NOVEMBRE 2017

In relazione alla domanda numero n 147 del Progress test svoltosi ieri, la Conferenza precisa quanto segue.

Il quesito, di cui alle notizie di stampa, è  di tipo statistico-demografico, assolutamente quindi non di fisio-patologia.

Il quesito di cui trattasi, infatti, era inserito nell’ambito del questionario (150 quesiti) svolti la mattina quando il Progress test è orientato sulle Scienze di Base (fra cui la statistica, la demografia e la sociologia, oltre alle scienze bio-mediche pre-cliniche).

I questionari sulle Scienze Cliniche (cioè quelli sulle malattie) si sono svolti, come sempre da 10 anni, di pomeriggio.

La Conferenza afferma con forza che l’insegnamento svolto nei Corsi di Studio di medicina e chirurgia italiani, di cui la stessa si fa garante, è libero da ogni condizionamento di politico, religioso, sociale, razziale e comportamentale e che chiunque conosca il lavoro svolto dalla Conferenza  (http://presidenti-medicina.it/) e da tutti i suoi componenti, sa bene della coerenza, su questo punto, di tutti i suoi componenti che si applicano costantemente alla migliore preparazione dei nostri studenti sia nel lavoro giornaliero di coordinamento dei Corsi di Studio sia nelle frequenti riunioni di confronto e nelle pubblicazioni sulla propria rivista (http://www.quaderni-conferenze-medicina.it/).

Qualsiasi altra interpretazione del quesito in questione è destituita da ogni fondamento ed è frutto esclusivamente di una non informazione sulla struttura e sulla modalità di esecuzione del Progress test.

 

Il Presidente della Associazione Conferenza

Prof.  Andrea LENZI

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento